Avviso COVID-19

Covid-19: ci impegniamo a rispettare tutti i protocolli di prevenzione da Covid19. Leggi qui le indicazioni di accesso al centro

Cosa stai cercando?

Terapia del dolore

L'ambulatorio di Terapia del dolore di GCS Point si occupa della cura del dolore cronico al fine di migliorare la qualità della vita e le cure del paziente.

Che cos'è la Terapia del Dolore

Quando abbiamo a che fare con il dolore cronico, questo può diventare un impedimento per molte attività quotidiane. In questi casi rivolgersi ad uno specialista di Terapia del Dolore può risultare la scelta più indicata.

A seguito di una prima analisi e valutazione del dolore, egli saprà individuare la terapia più appropriata e procedere ad interventi personalizzati e mirati alla risoluzione del problema. 

Quando rivolgersi allo specialista di Terapia del Dolore

Il dolore cronico è quel dolore che prescinde da una patologia, non esaurendosi quindi insieme ad una malattia ma divenendo persistente. La Terapia del dolore è indicata per il trattamento di disturbi quali:

  • Lombosciatalgia
  • Ernia del disco
  • Tendinite
  • Dolore al dorso
  • Artrite
  • Contratture muscolari
  • Cefalee
  • Cervicalgia

Le nostre prestazioni di Terapia del Dolore

Infiltrazione Antalgica Punti Trigger con Ozonoterapia

65 €

Infiltrazione Antalgica Periarticolare con Ozonoterapia

65 €

Infiltrazione Antalgica Ecoguidata Intra o Peritendinea

1 distretto anatomico

120 €

Infiltrazione Antalgica Ecoguidata Articolazione Sacro-Iliaca o Anca

160 €

Infiltrazione Ecoguidata Blocco Antalgico Nervo Periferico

160 €

Infiltrazione Analgesia Peridurale Sacrale

300 €

Infiltrazione Analgesia Peridurale Sacrale - Sedute Successive

80 €

Infiltrazione Analgesia Peridurale Lombare

350 €

Visita di Controllo Analgesia Peridurale Lombare

40 €

Infiltrazione Blocco Antalgico Continuo

450 €

Le terapie

La terapia viene costruita sul paziente come fosse un abito sartoriale: ogni persona, infatti, ha delle proprie peculiarità e può giovarsi di un farmaco piuttosto che di una procedura.

Tra i farmaci utilizzati vi sono gli oppioidi, derivati della morfina, che aggrediscono il dolore facendolo sparire, cui spesso vengono aggiunti degli adiuvanti che permettono di non far evolvere il dolore da acuto a cronico, bloccando quel processo che si innesca e che porta i sintomi a comparire a riposo o durante il sonno.

Lo scopo della Terapia del Dolore è bloccare il dolore al suo principio per non permettere che i neuroni vengano stressati e sensibilizzati e si attivino anche senza spina irritativa. Ecco perché a farmaci oppioidi e ai comuni FANS, vengono solitamente associate infiltrazioni locoregionali ecoguidate di anestetico locale in prossimità del punto o della zona dolorosa, di modo che la conduzione nervosa venga bloccata là dove si genera.

Nelle procedure ambulatoriali di terapia del dolore i farmaci principalmente utilizzati sono i cortisonici e gli anestetici locali. L’unione in un’unica soluzione di questi due farmaci permette un sollievo dal dolore quasi immediato e una cura dell’infiammazione molto efficace, oltre al blocco dei mediatori del dolore. Di solito l’azione antinfiammatoria raggiunge il picco dopo 24-36 ore, passate le quali si osserva la diminuzione del dolore a lungo termine.

Sovente si ricorre anche a terapie sinergiche basate su integratori alimentari e infiltrazioni con ozono, una specie di super ossigeno che ha azione antinfiammatoria e antidolorifica e la espleta o a livello locale o a tutto il corpo.

È possibile sintetizzare le principali procedure di terapia del dolore in:

  • Tecniche mini-invasive
  • Infiltrazioni
  • Infiltrazioni ecoguidate
  • Infiltrazioni con ozono (ozonoterapia)
  • Radiofrequenza
  • Blocchi nervosi e peridurali antalgiche

Per la sicurezza del paziente

  • Tutte le procedure vengono eseguite in condizioni di sterilità, con allestimento di un campo sterile in cui sia ridotta al minimo la possibilità di infezioni (la frequenza di queste ultime è estremamente bassa)
  • Gli aghi sono molto sottili con punta atraumatica e il rischio di complicanze emorragiche e traumatiche nei confronti delle strutture vascolari e nervose è molto basso
  • Il medico presterà attenzione ai farmaci assunti dal paziente in modo da scongiurare la possibilità che entrino in conflitto con i farmaci dell’infiltrazione e, prevedendo eventualmente uno schema di sospensione, opererà in un range di sicurezza.