Che cos'è la visita diabetologica?

La visita diabetologica è una visita finalizzata ad accertare, prevenire e curare il diabete mellito, patologia cronica caratterizzata da iperglicemia, vale a dire un’elevata concentrazione di glucosio nel sangue. Quest’ultima può essere dovuta ad una bassa produzione di insulina o ad una risposta difettosa delle cellule alla sua presenza. In base alle sue caratteristiche, è possibile distinguere tra numerosi tipi di diabete. Questi quelli più comuni:

Diabete di tipo 1: è una malattia autoimmune che si presenta durante l’infanzia o l’adolescenza. Il sistema immunitario attacca le cellule del pancreas, produttrici di insulina, riconoscendole come elemento estraneo e pericoloso. I sintomi associati a questa patologia sono:

Diabete di tipo 2: è una malattia, solitamente associata all’età adulta, provocata da un utilizzo imperfetto di insulina. Viene causata da sedentarietà, obesità, scorretta alimentazione ma può anche essere legata a fattori genetici.

I sintomi principali di questi due tipi di diabete sono:

  • Perdita di peso
  • Aumento di fame e sete
  • Minzione frequente
  • Offuscamento della vista
  • Stanchezza
  • Prurito intimo

Diabete gestazionale: è un’alterazione del metabolismo degli zuccheri che comporta elevati livelli di glucosio nel sangue. Viene definito gestazionale poiché diagnosticato per la prima volta in gravidanza. Come per il diabete gestazionale di tipo 2, l’insulina prodotta dalle cellule del pancreas non viene utilizzata in maniera ottimale e provoca l’aumento dei livelli di glucosio nel sangue, con pericolose conseguenze sia per la madre (rischio di gestosi e probabilità maggiore di sviluppare diabete di tipo 2 dopo la gravidanza) sia per il bambino (rischio di ipoglicemia ed elevato peso alla nascita).

In cosa consiste la visita diabetologica?

La visita diabetologica ha inizio con un’attenta anamnesi, durante la quale il medico specialista valuterà la storia clinica del paziente, le sue abitudini alimentari, il suo stile di vita.

Successivamente, si procederà alla misurazione dei dati antropometrici (peso, altezza, circonferenze) e della pressione arteriosa. Valuterà quindi la presenza di eventuali complicanze già evidenti e porrà particolare attenzione alle condizioni dell’addome, del collo, delle gambe e dei piedi, al fine di prevenire l’insorgere del piede diabetico.

Fornirà al paziente la terapia e tutte le informazioni e gli strumenti per effettuare da casa un corretto monitoraggio dei suoi parametri.

Al termine della visita, potrà essere richiesto al paziente di effettuare analisi specifiche per la determinazione della patologia, oltre a sottoporsi ad apposito regime alimentare e attività fisica.

Quanto dura

La durata della visita diabetologica è di circa mezz’ora.

Eventuale preparazione

Non è richiesta alcuna preparazione specifica. Si consiglia di portare eventuali analisi effettuate in precedenza.