Il piede diabetico è una delle complicanze croniche del diabete mellito e viene definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come “la condizione di infezione, ulcerazione e/o distruzione di tessuti profondi associate ad anomalie neurologiche e a vari gradi di vasculopatia periferica degli arti inferiori”.

Una mancata osservazione e cura periodica potrebbe portare all’amputazione dell’arto. Vediamo come riconoscere i sintomi e agire tempestivamente.

Cosa si intende per piede diabetico?

Il piede diabetico è uno stato morboso dovuto a una complicanza cronica del diabete.In questo caso, il diabete causa una complicazione a livello del sistema nervoso (neuropatia diabetica) che comporta la perdita di sensibilità agli arti inferiori e un restringimento delle arterie (arteriopatia diabetica).

Diabete mellito

Il diabete mellito, più semplicemente chiamato diabete, è una malattia caratterizzata da un eccesso di zuccheri (glucosio) nel sangue, nota come iperglicemia.

Può dipendere da fattori genetici o ambientali (come la sedentarietà e cattive abitudini alimentari). In genere si manifesta con aumento di sete, di diuresi e di appetito ma anche offuscamento della vista, sonnolenza e nausea.

Piede diabetico sintomi e cause

Prima dell’insorgere dei sintomi caratteristici del diabete, potrebbe comparire una deformazione dei piedi, la pelle potrebbe risultare fredda al tatto e/o pallida.

Tra i sintomi iniziali del piede diabetico potrebbero esserci:

  • Dolore simile a una puntura di spillo
  • Presenza di bolle, tagli o ulcere
  • Formicolio, soprattutto notturno
  • Alterazione della sensibilità

Le cause si ricollegano alla malattia diabetica che provoca:

  • Neuropatia diabetica: la progressiva disfunzione dei nervi periferici con conseguente progressiva perdita di sensibilità agli arti inferiori
  • Arteriopatia diabetica: il restringimento delle arterie con conseguente riduzione di afflusso di sangue agli arti inferiori

Come curare il piede diabetico. Diagnosi e terapia

Il piede diabetico è una condizione che non si manifesta in tutti i pazienti diabetici ma tende a svilupparsi in caso di malattia diabetica mal curata o trascurata.

Attraverso la valutazione clinica del paziente e tutta una serie di esami, il diabetologo o il podologo potrà consigliare il trattamento opportuno.

Una corretta e immediata diagnosi permette di prevenire le complicanze del piede diabetico e intervenire per evitare il rischio amputativo.

Alcuni consigli preventivi

Prevenire è l’unica arma per evitare che il piede diabetico possa provocare gravi conseguenze.

Gestione e monitoraggio sono le due azioni principali che il paziente diabetico deve attuare. Innanzitutto è opportuno ispezionare quotidianamente i piedi e tenerli ben puliti e curati. In caso di eventuali ferite o ulcere bisogna procedere con un’accurata medicazione seguendo le indicazioni dello specialista.

I piedi di un diabetico presentano spesso ulcere, piaghe sanguinanti e infezioni che possono portare a necrosi tissutale (rischio di morte del tessuto, meglio conosciuta come cancrena). In questo caso sarà necessario intervenire chirurgicamente per rimuovere il tessuto infetto o, se necessario, amputare l’arto.

Nel poliambulatorio di GCS Point potrai effettuare una visita diabetologica per prevenire e curare il diabete mellito e anticipare l’insorgere del piede diabetico.